One People’s Public Trust (OPPT). Storia, Meccanismo e Finalità

One People’s Public Trust (OPPT). Storia, Meccanismo e Finalità

Barbara Banco, che si presenta come Donna Libera, nel video parla di cosa sia One People’s Public Trust (OPPT), spiegandone la storia, il meccanismo, le finalità, attraverso una ampia documentazione ricavabile sul sito https://www.noièiosono.com

E’ una scomoda teoria che ci è stata nascosta fino ad oggi?

E’ un modo di vivere che consente di riconquistare i propri diritti?

La scelta se aderire è personale, ma è molto interessante capirne il senso.

Intervista di beatrice Silenzi – Giornalista

Il video pubblicato è di proprietà di (o concesso da terzi in uso a) FABBRICA DELLA COMUNICAZIONE.
E’ vietato scaricare, modificare e ridistribuire il video se non PREVIA autorizzazione scritta e richiesta a info@fcom.it.

Annuncio pubblicitario

1 Commento

  1. Bernardo

    Un po’ di mesi fa mi sono imbattuto nell’OPPT, argomento non facile …
    Sicuramente da approfondire, molto coinvolgente – almeno per me – sia per i risvolti “politici-sociali” che spirituali.

    Mi piacerebbe, però, sentire anche degli avvocati, dei giuristi o magistrati, sapere di più di quel procuratore di Trani che si era interessato a OPPT (strana piccola procura che ha visto inchieste importanti e coraggiose)
    Lo si può contattare per sentire la sua opinione sulle vicende che ha vissuto?

    L’argomento è così importante che non lo si può lasciare intravedere senza arrivare in fondo: se non sono “fantasie”, o “deliri” vale la pena impegnarsi …ma voglio capire, ho bisogno di riscontri, di confronti.

    Mi auguro che farai un’indgine approfondita Beatrice 💖

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il Libro di Beatrice Silenzi

Annuncio pubblicitario

TRANSLATE

SOSTIENI IL CANALE

AIUTAMI A COSTRUIRE UN MONDO MIGLIORE


LIBERI DALLE DIPENDENZE

FOCUS RADIO

PUBBLICITÀ

Le pubblicità che appaiono su questo sito sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desti perplessità. In tal caso, anche se indipendente dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i (lettori) fruitori.

BEATRICE SILENZI