Seleziona Pagina

Mindfulness: la gestione delle emozioni. Cristina Ombra

Fabbrica Della Comunicazione
Fabbrica Della Comunicazione
Mindfulness: la gestione delle emozioni. Cristina Ombra
/

Per la rubrica ‘Pillole di ExtraMondo’, in onda ogni domenica alle 21, il blogger Enrico Pietra incontra la Dott.ssa Cristina Ombra, psicoterapeuta e istruttrice di mindfulness. ARGOMENTO DI OGGI: LA GESTIONE DELLE EMOZIONI e del corpo emotivo. 

Secondo l’ultimo report dell’Osservatorio suicidi della Fondazione Brf (Istituto per la ricerca in psichiatria e neuroscienze), in Italia ogni 16 ore una persona si toglie la vita. Particolarmente rilevante è la situazione tra i giovanissimi. Purtroppo, si registra un tentativo di suicidio al giorno. Se ne deduce una evidente difficoltà a riconoscere, accettare e gestire le emozioni da parte della maggioranza della popolazione. Il fenomeno si è acuito particolarmente a seguito della pandemia da Coronavirus. Infatti la pandemia ha spinto le persone a rivedere completamente le proprie abitudini e le modalità di intendere le relazioni sociali. Quali strategie utilizzare e quali tecniche possono esserci utili per procedere verso un migliore equilibrio interiore, in grado di reggere a cambiamenti epocali e a un’informazione massmediatica spesso volutamente ansiogena e terrifica?

COME UN VIAGGIO

Considero il “lavoro psicologico” come un viaggio e come tale può avere diversi itinerari, tutti percorribili, che conducono a scoperte diverse, tutte ugualmente interessanti. Ognuno di noi è così come è perché un motivo c’è.
Viaggiando alla scoperta di sé si può incontrare e conoscere la nostra personale “ragion d’essere” comprendendo così le nostre sofferenze, le nostre verità, i nostri bisogni… noi stessi. Il viaggio può compiersi a tutte le età e per svariati motivi.

Per ciascuna persona si apriranno percorsi di viaggio specifici sia per età sia per il motivo che ci induce a “partire” (ansia, difficoltà scolastiche, difficoltà relazionali, difficoltà nel rapporto con i figli e/o con il partner, separazioni, perdite, ecc.) sia per il tipo di viaggio (da soli, in coppia, con la famiglia, o con un piccolo gruppo). Passo a passo, nell’opportunità dell’incontro e del confronto che questo viaggio può offrire, può realizzarsi “la meraviglia” di incontrare se stessi senza veli. Possiamo imparare a dare un nome al nostro dolore. Possiamo imparare ad accogliere e accettare ciò che siamo e possiamo capire come cambiare, imparando ad accettare anche ciò che non può essere cambiato. (fonte www.cristinaombra.it)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

TRANSLATE

CATEGORIE

Libri di Beatrice Silenzi

Annuncio pubblicitario

Annuncio pubblicitario

SOSTIENI IL CANALE

AIUTAMI A COSTRUIRE UN MONDO MIGLIORE


LIBERI DALLE DIPENDENZE

FOCUS RADIO

BEATRICE SILENZI