IL FENOMENO A.D.E. E SISTEMA IMMUNITARIO.

IL FENOMENO A.D.E. E SISTEMA IMMUNITARIO.

VIDEO E PODCAST IN FONDO ALL’ARTICOLO.

 

Indispensabile fare chiarezza.
Il dott. Mauro Mantovani – Direttore dell’Istituto di Medicina Biologica di Milano, Specializzato in Immunologia – viene intervistato da Beatrice Silenzi – Giornalista.

Che cos’è il fenomeno dell’A.D.E. di cui molti parlano?

L’ADE (acronimo dall’inglese antibody-dependent enhacement) o potenziamento anticorpo-dipendente, è un fenomeno nel quale sono presenti anticorpi, molecole prodotte dal sistema immunitario, che riconoscono e si legano a un virus, ma non sono in grado di neutralizzarlo e, quindi, di prevenire l’infezione.

Questi anticorpi sono detti “non neutralizzanti” e possono facilitare l’ingresso del virus all’interno della cellula, facilitando, quindi, l’infezione.

Le risposte immunitarie a virus, batteri o microrganismi estranei all’organismo riconosciuti come una minaccia, coinvolgono molte cellule e molecole del sistema immunitario.

All’inizio di un’infezione, le risposte immunitarie, non sono specifiche per il microrganismo estraneo e questo tipo di risposta rappresenta l’immunità innata.

Dopo pochi giorni dall’infezione subentra l’immunità adattativa, che è specifica per il microrganismo estraneo e include la produzione di anticorpi che riconoscono, come una chiave con la serratura, molecole presenti su quel determinato microrganismo.

Una delle azioni principali degli anticorpi è quella di impedire che il microrganismo entri nelle cellule.

Gli anticorpi che impediscono l’ingresso nelle cellule sono chiamati anticorpi neutralizzanti.
Tuttavia, non tutte le risposte degli anticorpi sono uguali e a volte essi non impediscono l’ingresso del microrganismo nelle cellule.

In rare occasioni, gli anticorpi aumentano la capacità del microrganismo di infettare le cellule e causano un peggioramento della malattia attraverso il meccanismo chiamato potenziamento anticorpo-dipendente.

Questo fenomeno è stato osservato principalmente con virus a RNA (RiboNucleic Acid, acido ribonucleico) a singolo filamento positivo, come i Coronavirus, tra cui SARS-CoV-2.

A seguito della vaccinazione contro il Sars-Cov2, indagando sul decesso, come più grave reazione avversa, di alcuni soggetti vaccinati, l’A.D.E è un acronimo tornato prepotentemente alla ribalta.

Il video pubblicato è di proprietà di (o concesso da terzi in uso a) FABBRICA DELLA COMUNICAZIONE. E’ vietato scaricare, modificare e ridistribuire il video se non PREVIA autorizzazione scritta e richiesta a info@fcom.it.

Podcast

Che cos'è il fenomeno dell'A.D.E.

di Dott. Mauro Mantovani - Direttore dell'Istituto di Medicina Biologica di Milano, Specializzato in Immunologia

Annuncio

7 Commenti

  1. Paolo sposato

    Molto interessante, grazie.

    Rispondi
  2. Edoardo

    Io l’ho ascoltato diverse volte e credo sarebbe utile realizzare una sintesi su ade e differenza tra spyke selvaggia e indotta dal vaccino (con le conseguenze articorpali) da veicolare su wattsapp. Çosi e’ troppo lungo.

    Rispondi
  3. Michael Schimpf Schimpf

    piccolo dettaglio che non toglie nulla al contenuto. Non enhanchement, ma enhancement, senza l’ h. Intervista interessantissima e molto utile.

    Rispondi
  4. Santo rizzo

    Intervista molto interessante, l’ho già ascoltata 2 volte e d profano quale sono non basta, ma almeno ci si informa da persone oneste e sincere, onore a Mauro Mantovani e non è certo un’intervista per covidioti ipnotizzati tuttti i giorni da Rai e mainstream associato..

    Rispondi
  5. Santo rizzo

    Bell’intervista a Mauro Mantovani, lui si che dovrebbe parlare in quello schifo di Rai che bombarda tutti i giorni con le sue vomitevoli menzogne facendo sentire i soliti buffoni per ipnotizzare una massa di pecore…

    Rispondi
  6. Rossana

    Anni fa ho fatto il vaccino anti-influenzale: quell’inverno ho preso la febbre 4 volte, mentre di solito prendevo l’influenza una volta sola ogni inverno. Mai più fatto quel vaccino! Inoltre da piccola mi hanno fatto il vaccino contro il morbillo, ma poi l’ho preso fortissimo a 21 anni, ero in condizioni pietose.

    Rispondi
  7. Paolo

    Grazie di cuore, la verità verra a galla anche grazie a voi.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

TRANSLATE

CATEGORIE

Libri di Beatrice Silenzi

Annuncio pubblicitario

Annuncio pubblicitario

Annuncio pubblicitario

Annuncio pubblicitario

Annuncio pubblicitario

BEATRICESILENZI.IT

SOSTIENI IL CANALE

AIUTAMI A COSTRUIRE UN MONDO MIGLIORE


BLOG

LIBERI DALLE DIPENDENZE

Seguici su Spotify

BEATRICE SILENZI